30 marzo 2017

Prosegue "Dimensione Romagna"

Secondo appuntamento, venerdì 31 marzo, per la serie di incontri “Dimensione Romagna. Nostalgie, utopie o strategie per il futuro?”.

Alle 17.30, alle Sale antiche della Biblioteca Gambalunga, il professor Roberto Balzani e il giornalista Giancarlo Mazzuca presenteranno il volume: “Amarcord Romagna. Breve storia di una regione (e della sua idea) da Giulio Cesare a oggi” (Minerva Edizioni). Introduce Pier Luigi Martelli, giornalista QN Il Resto del Carlino.

L'incontro

Nel libro "Amarcord Romagna", gli autori ripercorrono la storia di una regione "immaginaria" unificata dall'amministrazione solo ai tempi del cardinal legato di Ravenna e, più brevemente, dal prefetto napoleonico di Forlì.
L'obiettivo è di stimolare un'opinione pubblica romagnola di massa, al di là dei municipalismi deteriori e delle divisioni della politica. E nello stesso tempo comunicare agli italiani lo strano tentativo, compiuto da un piccolo lembo di Pianura Padana, di compendiare in sé una sorta di storia concentrata della penisola, dai galli a Cesare, da Giustiniano a Dante, da Machiavelli al Risorgimento, da Mussolini alla guerra mondiale. Un dado da brodo delle grandezze e delle miserie italiane.
Con quale finalità? Oltre al divertimento intellettuale, oltre a trasformare in storia vera, documentata, tanti luoghi comuni, anche l'ambizione di contribuire a sviluppare la sensibilità per una riforma amministrativa dal basso che potrebbe sconvolgere un quadro secolare, unendo comuni e province e imponendo un nuovo sguardo su quello che siamo stati.

 

Gli autori

Roberto Balzani è professore ordinario di Storia contemporanea presso l'Università di Bologna. Si è occupato di regionalismo, di storia del Risorgimento, di governo municipale fra Ottocento e Novecento e delle vicende del patrimonio culturale italiano. Fra il 2008 e il 2009 è stato preside della facoltà di Conservazione dei Beni culturali dell'Alma Mater, sede di Ravenna.
Autore di manuali di storia per le scuole, da sindaco di Forlì, carica alla quale è stato eletto nel 2009, si è dedicato all'analisi del ceto amministrativo dell'Italia contemporanea, dando alle stampe un fortunato pamphlet: Cinque anni di solitudine (Bologna, 2012).

 

Giancarlo Mazzuca, romagnolo di Forlì, già direttore de "Il Resto del Carlino", del "QN", de "Il Giorno" e direttore editoriale della Poligrafici Editoriale, è stato inviato speciale de "Il Corriere della Sera", vicedirettore a "Fortune" e a "La Voce" di Montanelli, caporedattore a "Il Giornale".
Attualmente è consigliere d'amministrazione della Rai e commentatore de "Il Giornale". Ha scritto diversi libri, tra cui Il leone di Trieste (con Claudio Lindner), La Fiat, da Giovanni Luca (con Alberta Mazzuca), I signori di Internet, La Voce di Indro Montanelli, I Faraoni (con Aldo Forbice),La Resistenza tricolore (con Arrigo Petacco) e infine, edito da Minerva, Sangue romagnolo (con Luciano Foglietta), vincitore del Premio "Acqui Storia" 2011. Ha vinto premi giornalistici come il "Saint Vincent economia", il "Campione d'Italia", il "Guidarello", il "Silone", il "Montanelli".

 

Pier Luigi Martelli, di Forlì, vive a Rimini dal 1987. Giornalista, il suo percorso professionale si è svolto interamente al Resto del Carlino. Ha iniziato nel 1982 alla redazione di Modena, poi a Cesena, a Rimini, dove per 21 anni ha diretto la cronaca cittadina e infine alla redazione centrale di Bologna. Per vari anni è stato corrispondente da Rimini del Corriere della Sera.

 

L'organizzazione

"Dimensione Romagna" è una rassegna organizzata da Edizioni Minerva, Bononia University Press e Società editrice il Mulino, con la collaborazione di Biblioteca Gambalunga, Rimini, QN Il Resto del Carlino, Romagna Arte e Storia rivista di cultura, Chiamami Città, Romagna Acque Società delle Fonti S.p.A..

La redazione si riserva di pubblicare solo i commenti che non contengano frasi ingiuriose e offensive nei confronti di alcuno.
Tutti i campi sono obbligatori